solo nel 2020 sono stati rubati 24 milioni di dollari Da CoinTelegraph


Cifre record per le truffe crypto: solo nel 2020 sono stati rubati 24 milioni di dollari

Whale Alert, piattaforma di tracking e analisi delle blockchain, ha rivelato che negli ultimi quattro anni sono stati rubati tramite varie truffe circa 38 milioni di dollari in (BTC).

Alla fine del 2020 potrebbe esserci un nuovo piccoLo studio di Whale Alert si basa sui dati forniti da Scam Alert, un sito che traccia le truffe in ambito crypto: purtroppo, la diffusione di queste frodi è in rapida crescita. Alcuni degli espedienti maggiormente utilizzati sono: giveaway, sextortion, finti exchange o finte ICO, malware, Bitcoin recovery, video fraudolenti e finti tumbler.

Nel 2017 sono stati sottratti a vittime ignare circa 5 milioni di dollari in Bitcoin. Nel primo trimestre del 2020, il totale ammonta a quasi cinque volte tanto: 24 milioni. Whale Alert prevede che questa cifra potrebbe crescere fino a toccare i 50 milioni di dollari entro la fine dell’anno.

Leggi il testo completo su Cointelegraph

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

Redazione - info@economiaalternativa.it

Read Previous

Criptovalute: tre indizi fanno una prova, short Bitcoin

Read Next

Più olio di palma nei motori che nei biscotti ⋆ Legambiente

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *