Dalla Cina sta per arrivare CinoCoin?

Innovation Mining

Innovation Mining

Anche il governo cinese entra nella sfera dei big delle cryptomonete e ormai è pronta ad annunciare la sua moneta digitale che dovrebbe chiamarsi CinoCoin

I cittadini cinesi sono stati molto interessati a Bitcoin & Co poichè al netto dell’Hype “tecnologico”, risiede un motivo molto più pratico: il riciclaggio di soldi, e la fuga di capitali.

Il fenomeno era iniziato alla grande con i Bitcoin, poi, a seguito dell’elevata volatilità dello stesso, molti cinesi sono andati a cercarsi una stable coin (una moneta che deve il suo ancoraggio e la sua convertibilità ad una moneta fiat, cioè non decentralizzata) il Thether.

Oggi in Cina il Thether (formalmente ancorato al dollaro) appare essere la moneta più utilizzata per la conversione da Yuan ad altre monete.

Anche il governo cinese entra nella sfera dei big delle cryptomonete e ormai è pronta ad annunciare la sua moneta digitale che dovrebbe chiamarsi CinoCoin

Si rendeva assolutamente necessaria una moneta tutta cinese, ed il governo non intimorito da quei pochi che hanno voluto aggirare le tasse ed il proprio denaro ha deciso si entrare a far parte del sistema di cryptovalute generando la propria.

I cinesi già mentalmente all’interno della cryptoeconomy ed abituati a sistemi di pagamento come Alipay, risultano essere di indole propensa al rischio, ed hanno preso bene questa iniziativa, nonostante vedano il loro Stato sempre più portato ad ingerenze private.

Una riflessione viene anche da Paolo Sironi, FinTech Thought Leader di Ibm e autore di libri di geo-economia e fintech.

“Il sistema dei pagamenti mobile cinesi si basa su una tecnologia non avanzata ma molto funzionale, ovvero quella del QR code. All’inizio del 2019 la PBC ha attuato un programma di controllo del settlement dei pagamenti digitali forzando le aziende del BigTech a centralizzare sulla piattaforma regolamentata. La Cina ha la capacità politica e tecnologica, basata sul più avanzato e fervente ecosistema Fintech a livello mondiale, per fare il prossimo passo basato sulla Blockchain. Ciò permetterebbe di rafforzare non solo il controllo interno ma anche l’influenza sul mercato estero forzando uno standard mondiale. 

Redazione - info@economiaalternativa.it

Read Previous

Apple: L’app Wallet gestirà criptovalute in futuro?

Read Next

il Logo Bitcoin sponsor sulle magliette di calcio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *